TENDENZA per il fine settimana, tra freddo e caldo in 48 ore

Tendenza per il fine settimana / Siamo di fronte nuovamente ad una situazione molto particolare per la nostra penisola italiana. Dopo il treno di perturbazioni che ci ha interessato per tutto il mese di novembre, la situazione si è stabilizzata leggermente. Certo, continuano indisturbate le piogge su tutto il territorio italiano, ma sono molto più disorganizzate e più “tranquille”. Intanto qualche cambiamento in vista per il fine settimana e l’inizio del prossimo, seppur è da tenere con le pinze e seguiranno importanti aggiornamenti.

Tendenza per il fine settimana spaccato a metà tra fronte freddo e anticiclone “riparatore”

Stando agli ultimi aggiornamenti dei principali modelli meteorologici, sembra che a breve qualcosa cambierà e anche in maniera decisa. A partire da questo fine settimana, dove un fronte freddo scenderà alle nostre latitudini portando freddo, venti di forte intensità da nord, piogge e anche possibilità di nevicate a quote relativamente basse (specie al nord Italia e sui nostri Appennini).

In una seconda fase, le correnti settentrionali arretreranno ulteriormente, con il vortice atlantico che si sposterà più ad ovest, permettendo la salita di aria più mite e calda sul nostre territorio. E giungiamo quindi al periodo più vicino al Natale, a partire dal 16 dicembre. Il treno di perturbazioni resisterà, ma sarà molto più blando e coinvolgerà solamente parte del nord Italia.

Al sud, sembra strano da dire, ma ritornerà l’anticiclone di matrice a tratti anche africana. Le correnti miti e calde dal nord Africa investiranno gran parte della penisola con le temperature che addirittura potranno raggiungere i 20°C tra Bari e Napoli e andare oltre questa soglia in Sicilia.

Ovviamente è una situazione da monitorare giorno dopo giorno, quindi vi rimandiamo ad un prossimo editoriale per esserne sicuri. Ad oggi, l’attendibilità è del 55-60%.

Per tutti gli aggiornamenti vi invitiamo a restare collegati con la nostra pagina Facebook Meteo2P (LINK CLICCABILE QUI).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *